logo cfr

MATERIE E VISIONI - CLAUDIA CARACAUSI

MATERIE E VISIONI -  CLAUDIA CARACAUSI

Queste opere qui raccolte sono il frutto di elaborazioni fotografiche su temi architettonici e paesaggistici svolte negli ultimi sei anni. Questo lavoro è nato come un gioco e la sperimentazione è incredibile oltre che infinita. La sovrapposizione di immagini fotografiche infatti ti permette di creare nuove visioni e nuove sensazioni. Minime variazioni danno vita ad intersezioni, forme, colori e immagini nei quali gli oggetti ed i soggetti originari risultano a tratti irriconoscibili e nel quale l'osservatore rimanendone attratto, si perde.

 

Claudia Caracausi nasce a Palermo nel 1974 dove si laurea in Architettura con il massimo dei voti e la lode. Le prime esperienze professionali iniziano durante gli anni universitari: dal 1996 al 2001 collabora all’interno di uno studio di architettura, partecipando alla redazione di vari progetti, ristrutturazioni di abitazioni e progetti di restauro architettonico e maturando esperienza di cantiere. Gli anni universitari si arricchiscono inoltre con esperienze di collaborazione didattica e attraverso la partecipazione a seminari di progettazione ed a concorsi di architettura. Dal 2002 svolge attività professionale in modo indipendente occupandosi prevalentemente di progetti di ristrutturazione, design di elementi di arredo e grafica editoriale. Collabora con altri architetti, con l’Istituto ITABC di Roma e l’Università di Palermo e nel 2011 cura la redazione grafica di una rivista di tango. Dal 2011 si trasferisce a Roma, frequenta un Master alla Facoltà di Architettura Valle Giulia nell’ambito della Gestione dei Patrimoni Immobiliari. Alla sua attività professionale, legata al settore immobiliare, accompagna la passione per la fotografia e la grafica digitale. Dal 2014 partecipa a numerose mostre presso Micro Arti Visive a Roma. Nel 2016 partecipa al Premio Arte Roma e l’opera presentata viene selezionata tra le prime sessanta. La sua ricerca artistica si sviluppa attraverso la sperimentazione di elaborazioni fotografiche su temi prevalentemente architettonici e paesaggistici. La sua naturale propensione alla creatività la induce ad affrontare ogni tema come una sfida, un nuovo obbiettivo da raggiungere. Le sue opere sono il risultato di un gioco di sovrapposizioni, immagini nuove, dove le forme si trasformano, si intersecano, i colori si modificano risaltando vivacemente o diventando più tenui o cupi. I contrasti, le ombre e gli elementi luminosi attraggono l’osservatore.