logo cfr

L'UOMO E LA SUA HARLEY-DAVIDSON - PATRIZIA GENOVESI

L'UOMO E LA SUA HARLEY-DAVIDSON - PATRIZIA GENOVESI

Il cavallo, la barca a vela, la motocicletta: il mito dell’uomo che intraprende il suo viaggio in solitudine, con l’essenziale e il suo destriero. Incontrerà viandanti con i quali condividerà brevi tratti di strada, notti inquiete e riposi sereni, a volte intemperie e situazioni avverse. Condividerà con altri viaggiatori sogni e progetti. Nelle varie epoche questo mito resiste, cambiano i mezzi, cambiano le prove che l’eroe viaggiatore dovrà superare. Il viaggio è fisico ma anche interiore, avviene nella strada e dentro se stessi. C’è una moto che, universalmente riconosciuta oggi, è simbolo dell’uomo de del suo viaggio: l’Harley-Davidson. Gli Harleysti si incontrano, viaggiano insieme, si riuniscono in circoli, hanno simboli comuni e un rigido codice di comportamento. Vengono guardati con ammirazione e simpatia e a volte con un certo timore. Ma non tutti appartengono a gruppi, alcuni viaggiano in solitaria, compagni sono il vento il sole e la pioggia, il rumore della strada, il silenzio della natura. Andrea è uno di questi viaggiatori.